Success Stories‎ > ‎

Calcestruzzo


Il problema
La maggior parte delle strutture civili, come le gallerie, i ponti e gli edifici sono costruiti assemblando blocchi prefabbricati in calcestruzzo (detti conci), che vengono trasportati al cantiere dopo lo stampo e la stagionatura  
La stagionatura, detta anche maturazione, è l'insieme dei trattamenti protettivi ai quali deve essere sottoposto il calcestruzzo giovane al fine di mantenerlo caldo e umido, impedendo l'evaporazione dell'acqua. Il risultato di questo processo è una perfetta idratazione del cemento con conseguente aumento della forza e diminuzione della permeabilità del concio. 
La maturazione accelerata, invece, consiste nel riscaldare il conglomerato di calcestruzzo fresco in modo controllato cosicchè l'artefatto sviluppi una buona resistenza meccanica in poche ore, piuttosto che dopo i convenzionali 28 giorni. Questo processo noto come "curing concrete" apporta notevoli vantaggi economici, accelera il processo di fabbricazione e aumenta l'affidabilità delle strutture. È fondamentale, tuttavia, monitorare la temperatura interna per poter regolare il riscaldamento del forno durante il processo e di conseguenza controllare la maturazione del blocco evitando crepe e riducendo il costo energetico.
La nostra soluzione
In collaborazione con una azienda leader nella produzione di apparati e componenti per la realizzazione di conci in calcestruzzo, Radio6ense ha sviluppato un nuovo tipo di sensore wireless, denominato T-Stick, in grado di essere parzialmente impiantato nel calcestruzzo liquido e di monitorarne la variazione di temperatura in profondità. A partire da questa informazione è infatti possibile risalire indirettamente alla curva di maturazione del concio.
Il sensore T-Stick, basato sulla tecnologia RFID battery-less, può essere letto da un reader integrato nel cassero ove il concio subisce la maturazione assistita all’interno di un forno di grandi dimensioni (carosello).
Al termine del processo, il sensore può restare inserito in sede oppure essere agevolmente rimosso.
I benefici attesi
Il sistema permette di monitorare in maniera puntuale il ciclo di maturazione indotta in forno con il beneficio di migliorare la qualità del singolo concio, dato che la temperatura di curing può essere modulata individualmente in base alla misura di quanto sta avvenendo in profondità. In questo modo è quindi possibile eliminare difetti (bolle, crepe) dovute ad un ciclo non ottimale. In aggiunta a ciò il sistema così ottenuto permette di minimizzare la quantità di energia necessaria al singolo ciclo.
Non ultimo, l’informazione sul buon esito del ciclo può essere memorizzata nella memoria interna del sensore RFID in modo che funga da dato di targa del singolo concio che lo accompagni durante tutto il suo ciclo di vita.
Comments